Sicuramente sei caduto in una situazione in cui l’interlocutore non sembra ascoltarti e, contrariamente al buon senso, continua a insistere da solo. Hai ripetutamente parlato con bugiardi, manipolatori, fori insopportabili o narcisorie narcisistiche con cui è impossibile concordare qualcosa. Come parlare con loro, dice lo psichiatra Mark Gowlston.

Ci sono persone molto più irrazionali di quanto sembri a prima vista. E con molti di loro sei costretto a costruire comunicazioni, perché non puoi semplicemente ignorarli o andartene, agitando la mano. Ecco esempi di comportamento inadeguato delle persone con cui devi comunicare ogni giorno:

Mark Gowlston, uno psichiatra americano, autore di popolari libri di comunicazione, ha sviluppato una tipologia di persone irrazionali e ha identificato nove tipi di comportamento irrazionale. Secondo lui, sono uniti da diverse caratteristiche comuni: le irrazionali, di regola, non hanno un quadro chiaro del mondo;Parlano e fanno cose che non hanno senso;Prendono decisioni non nei loro interessi. Quando stai cercando di riportarli sul percorso della prudenza, diventano insopportabili. I conflitti con persone irrazionali raramente si sviluppano in chiarimenti prolungati e cronici delle relazioni, ma possono essere frequenti e scaricare.

Nove tipi di persone irrazionali

  1. Emotivo: alla ricerca di una spruzzata di emozioni. Lasciarsi urlare, sbattere la porta e portare la situazione in uno stato insopportabile. Queste persone sono quasi impossibili da rassicurare.
  2. Logico: sembra freddo, avaro sulle emozioni, tratta gli altri. Tutto ciò che vedono è illogico è ignorato, in particolare la manifestazione delle emozioni di un’altra persona.
  3. Emotivamente dipendente: vogliono dipendere, spostare la responsabilità per le loro azioni e la scelta dagli altri, premere dalla colpa, mostrare la loro impotenza e incompetenza. Richieste per aiutare a non fermarti mai.
  4. Spaventato: vivi in ​​costante paura. Il mondo che lo circonda sembra loro come un luogo ostile in cui tutti vogliono danneggiarli.
  5. Senza speranza: perduta speranza.

    https://bergarakoeuskara.net/come-allevare-una-ragazza-per-il-sesso/

    Sono facili da ferire, offendere, offendere i loro sentimenti. Spesso l’atteggiamento negativo di tali persone è contagioso.

  6. Martire: Non cercare mai aiuto, anche se ne hanno disperatamente bisogno.
  7. Aggressivo: dominare, subordinato. In grado di minacciare, umiliare e insultare una persona per raggiungere il controllo su di lui.
  8. “Heads”: si considera l’unico esperto su qualsiasi problema. Amo esibire gli altri con profili, privazione della fiducia. Prendi una posizione “dall’alto”, sono in grado di umiliare, prendere in giro.
  9. Sociopatico: mostra comportamento paranoico. Sforzati di intimidire, nascondere i loro motivi. Siamo sicuri che tutti vogliono guardare nelle loro anime e usare informazioni contro di loro.

A cosa sono i conflitti?

La cosa più semplice da comunicare con irrazionali è evitare i conflitti con ogni mezzo, perché un’uscita positiva nella sceneggiatura vantaggiosa è quasi impossibile. Ma il più semplice non è sempre il più corretto.

Il padre fondatore della conflitto, il sociologo e conflitto americano Lewuc Koser è stato uno dei primi a esprimere l’idea che il conflitto abbia una funzione positiva.

“Il conflitto, così come la cooperazione, ha funzioni sociali. Un certo livello di conflitto non è affatto disfunzionale, ma può essere una componente essenziale sia del processo di formazione del gruppo che della sua esistenza sostenibile “, scrive Kozer.

I conflitti interpersonali sono inevitabili. E se non sono ammessi formalmente, fluire in varie forme di conflitto interno. I conflitti irrisolti sono battuti dall’auto -testimone e talvolta sul senso base di sicurezza.

Evitare conflitti con persone irrazionali: questo è il percorso del nulla. Le irrazionali non bramano affatto conflitti a livello cosciente. Loro, come tutte le altre persone, vogliono essere sicuri di essere compresi, ascoltati e considerati con loro, tuttavia, “cadere via” nel loro inizio irrazionale, spesso non sono in grado di un accordo reciprocamente vantaggioso.

In che modo i razionali differiscono dalle irrazionali?

Gowlston afferma che in ognuno di noi c’è un inizio irrazionale. Tuttavia, il cervello di una persona irrazionale reagisce al conflitto in modo leggermente diverso dal cervello di razionale. Come base scientifica, l’autore usa un modello cerebrale triune sviluppato da un neurobiologo Paul McClin negli anni ’60 del XX secolo. Secondo McClin, il cervello umano è diviso in tre dipartimenti:

La differenza tra il funzionamento del cervello del razionale e dell’irrazionale è che in conflitto, situazioni stressanti, i dipartimenti inferiori e medi prevalgono in una persona irrazionale, mentre una persona razionale sta provando con tutte le sue forze nella zona superiore. La persona irrazionale è comoda e familiare per essere all’interno del quadro di una posizione difensiva.

Ad esempio, quando un tipo emotivo urla o si avvicina alle porte, si sente abitualmente nel quadro di questo comportamento. I programmi inconsci del tipo emotivo lo incoraggiano a urlare ad essere ascoltato. Mentre la razione non è facile in questa situazione. Non vede una soluzione e si sente in un vicolo cieco.

Come prevenire uno scenario negativo e rimanere all’inizio razionale?

Prima di tutto, ricorda che lo scopo di una persona irrazionale è di portarti nella zona di influenza. Nelle “pareti native” del cervello rettiliano ed emotivo, una persona irrazionale è guidata dai ciechi nell’oscurità. Quando l’irrazionale riesce a portarti a forti emozioni, come rabbia, risentimento, colpa, sensazione di ingiustizia, quindi il primo impulso è “colpire” in risposta. Ma questo è ciò che una persona irrazionale ti aspetta da te.

Non vale, tuttavia, demonizzare le persone irrazionali o considerarle una fonte di male. Forza che li incoraggia a comportarsi in modo irragionevole e anche distruttivo, il più delle volte è una serie di scenari subconsce che hanno ricevuto durante l’infanzia. Chiunque di noi ha i nostri programmi. Tuttavia, se il principio irrazionale prevale sui razionali, i conflitti diventano un’area problematica nelle comunicazioni.

Tre regole in conflitto con una persona irrazionale

Allena auto -controllo. Il primo passo sarà il dialogo interno in cui dici a te stesso: “Vedo cosa sta succedendo. Lui/lei vuole tirarmi fuori da se stesso “. Quando puoi rimandare con una reazione a una replica o all’azione di una persona irrazionale, per fare diversi respiri ed esanazioni, hai vinto la prima vittoria sull’istinto. Quindi riprendi la capacità di pensare chiaramente.

Tornare all’essenza. Non lasciare che una persona irrazionale ti porti via dall’essenza. Se la capacità di pensare chiaramente è padroneggiata, ciò significa che puoi controllare la situazione con l’aiuto di domande semplici ma efficaci. Immagina di litigare con un tipo emotivo che ti grida attraverso le lacrime: “Che tipo di persona sei! Non sei fuori di testa se me lo dici! Per quello che sono! Quello che merito un tale appello!”Tali parole causano facilmente fastidio, colpa, smarrimento e desiderio di rimborsare con la stessa moneta. Se ti arrendi all’istinto, la tua risposta comporterà un nuovo flusso di accuse.

Chiedi all’interlocutore come vede la risoluzione della situazione. Colui che pone una domanda controlla la situazione

Se sei una persona che evita i conflitti, allora vorrai agitare la mano e lasciare tutto così com’è, concordando con ciò che dice il tuo avversario irrazionale. Questo lascia un forte precipitato e non risolve il conflitto. Invece, prendi il controllo della situazione. Mostra che senti il ​​tuo interlocutore: “Vedo che sei arrabbiato a causa di questa situazione. Voglio capire cosa stai cercando di dirmi “. Se una persona continua a isteria e non vuole ascoltarti, fermare la conversazione, offrendosi di tornare da lui più tardi, quando può parlare con te con calma.

Prendere il controllo sulla situazione. Per risolvere il conflitto e trovare una via d’uscita, uno degli avversari deve avere l’opportunità di prendere le redini nelle loro mani. In pratica, questo significa che dopo aver determinato l’essenza, quando hai ascoltato l’interlocutore, puoi indirizzarlo in una direzione pacifica. Chiedi all’interlocutore come vede la risoluzione della situazione. Colui che pone una domanda controlla la situazione. “Per quanto ho capito, ti mancava la mia attenzione. Cosa possiamo fare per cambiare la situazione?»Con questa domanda restituirai una persona a una direzione razionale e sentirai esattamente cosa si aspetta. Forse le sue proposte non sono adatte a te, e quindi puoi presentare il tuo. Tuttavia, questo è meglio di una scusa o un attacco.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *